Privacy Policy

INFORMATIVA PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

(Ex Art. 12 e 13 del Regolamento UE 2016/679 Del Parlamento Europeo e del Consiglio)

Il Sig. Primavesi Claudio con sede legale in Via Sant’Ambrogio,  25/0 – 23807 – Merate (LC), in qualità di Titolare del trattamento dei dati personali, La informa che il Regolamento UE 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio (“Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati), stabilisce norme relative alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché norme relative alla libera circolazione di tali dati.

 

Il regolamento protegge i diritti e le libertà fondamentali delle persone fisiche, in particolare il diritto alla protezione dei dati personali.

Il titolare del trattamento (persona fisica o giuridica che determina le finalità e i mezzi del trattamento di dati personali) adotta misure appropriate per fornire all’interessato tutte le informazioni relative al trattamento.

Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti.

Ai sensi dell’articolo 12 e 13 del Regolamento UE 2016/679, in caso di raccolta presso l’interessato di dati che lo riguardano, il Titolare del trattamento fornisce all’interessato, nel momento in cui i dati personali sono ottenuti, le seguenti informazioni:

 

  1. Oggetto del Trattamento

Il Titolare del trattamento tratta i dati personali, identificativi riguardanti una persona fisica (interessato) quali ad esempio, nome, cognome, numero di identificazione, ragione sociale, indirizzo, telefono, e-mail, riferimenti bancari e di pagamento etc.…… da Lei comunicati in occasione della conclusione di contratti per i servizi del Titolare.

  1. Titolare del Trattamento e Rappresentante del Titolare del Trattamento

Il Titolare del trattamento è: Sig. Primavesi Claudio.

c/o Sig. Primavesi Claudio con sede legale in Via Sant’Ambrogio,  25/0 – 23807 – Merate (LC), P.IVA 02913580136, Tel +39 328 7223316, info@primavess.com

Il Rappresentante del Titolare del Trattamento (ove applicabile) è: Non nominato.

L’elenco aggiornato dei Responsabili (ove applicabile) e degli incaricati al trattamento è custodito presso la sede legale del Titolare del trattamento.

  1. Responsabile della Protezione Dati (ove applicabile)

Il Responsabile della protezione dati è: Non nominato.

  1. Finalità del trattamento dei dati

I dati da Lei forniti verranno trattati senza il Suo Consenso espresso per le seguenti finalità:

1A) rapporto di lavoro di collaborazione professionale

2A) esecuzione di un contratto

3A) esecuzione misure precontrattuali

4A) obbligo legale al quale è soggetto il titolare del trattamento

5A) perseguimento del legittimo interesse del Titolare del trattamento

6A) attività giornalistica.

Il trattamento dei dati è lecito in quanto:

1C) il trattamento è necessario all’esecuzione di un contratto di cui l’interessato è parte o all’esecuzione di misure  precontrattuali adottate su richiesta dello stesso,

2C) il trattamento è necessario per adempiere un obbligo legale al quale è soggetto il titolare del trattamento,

3C) il trattamento è necessario per il perseguimento del legittimo interesse del titolare del trattamento o di terzi, a condizione che non prevalgano gli interessi o i diritti e le libertà fondamentali dell’interessato che richiedono la protezione dei dati personali, in particolare se l’interessato è un minore,

4C) il trattamento è necessario per l’esercizio dell’attività giornalistica (libertà di espressione e informazione).

Il Titolare, ai sensi dell’art. 13 comma 3, si impegna a non utilizzare i dati personali acquisiti per finalità di trattamento diverse da quelle per cui essi sono stati raccolti, senza aver fornito ulteriori informazioni all’interessato in merito a tale diversa finalità e ogni ulteriore informazione pertinente di cui al paragrafo 2, o senza aver richiesto un consenso addizionale (ove obbligatorio).

  1. Legittimi interessi del titolare del trattamento (ove applicabile solo se le condizioni di liceità del trattamento di cui al punto 4 sono del tipo 3C)

Il trattamento dei dati si basa sui seguenti legittimi interessi: eventuale diritto di difesa in giudizio.

  1. Modalità del trattamento dei dati

Il trattamento dei dati personali è realizzato per mezzo delle operazioni indicate all’art. 4 comma 2) e precisamente: la raccolta, la registrazione, l’organizzazione, la strutturazione, la conservazione, adattamento o la modifica, l’estrazione, la consultazione, l’uso, la comunicazione mediante trasmissione, diffusione o qualsiasi altra forma di messa a disposizione, il raffronto o l’interconnessione, la limitazione, la cancellazione o la distruzione;

Il trattamento dei dati avviene mediante l’utilizzo di strumenti e procedure idonei a garantirne la sicurezza e la riservatezza.

Il trattamento dei dati personali sarà effettuato con le seguenti modalità:

■ informatizzato manuale (senza processo decisionale automatizzato)

  1. Diffusione dei dati

Senza la necessità di un espresso consenso (ex art. 6 lett. b) e c)), il Titolare potrà comunicare i Suoi dati per le finalità di cui sopra a Organismi di vigilanza, Autorità giudiziarie, a società di assicurazione, nonché a quei soggetti ai quali la comunicazione sia obbligatoria per legge per l’espletamento delle finalità dette. Detti soggetti tratteranno i dati nella loro qualità di autonomi titolari del trattamento.

■ i dati potranno essere comunicati alle seguenti categorie di destinatari: responsabili esterni che prendono parte al processo aziendale unicamente per adempiere a specifici obblighi di legge ed in ottemperanza agli obblighi contrattuali, enti pubblici e privati con finalità tributarie, Organi di vigilanza ed Autorità preposte al di controllo, giornalisti, editori.

  1. Diffusione dei dati verso un paese terzo o un organizzazione internazionale

■ I dati  personali non saranno trasferiti verso un Paese Terzo o a un organizzazione Internazionale.

  1. Natura del conferimento dei dati e conseguenze del rifiuto a rispondere

Il Titolare del trattamento ha l’obbligo di informare l’interessato se la comunicazione di dati personali è un obbligo legale o contrattuale oppure un requisito necessario per la conclusione di un contratto, e se l’interessato ha l’obbligo di fornire i dati personali nonché le possibili conseguenze della mancata comunicazione di tali dati;

Il conferimento dei dati è:

■ obbligatorio (Punto 4, lettere A)

Nel caso in cui il conferimento dei dati per le finalità indicate è obbligatorio il motivo dell’obbligo è dovuto a esecuzione di un contratto o di misure precontrattuali, attività giornalistica.

Nel caso in cui il conferimento dei dati per le finalità indicate è obbligatorio l’eventuale rifiuto di fornire tali dati:

■ potrebbe comportare la mancata esecuzione del contratto

■ potrebbe comportare la parziale esecuzione del contratto

■ la mancata prosecuzione del rapporto

  1. Conservazione dei Dati

Il Titolare tratterà i dati personali per il tempo strettamente necessario per adempiere alle finalità di cui sopra e comunque per non oltre 10 anni dalla cessazione del rapporto per le Finalità di Servizio.

■ I dati personali trattati di natura commerciale su base contrattuale saranno conservati sino a: 10 anni dopo la recessione del contratto.

■ I dati personali trattati di natura giornalistica nell’ambito della libertà di informazione e di espressione, saranno conservati sino a: termine  dell’attività lavorativa del Titolare del trattamento.

  1. Misure di sicurezza

Il Titolare, in conformità all’art. 32 del Regolamento UE 2016/679, ha adottato misure di protezione dei dati di tipo fisico, tecniche ed organizzative al fine di garantire un livello di sicurezza adeguato contro il rischio di distruzione, perdita, abuso o alterazione di tipo accidentale o illegale.

  1. Diritti dell’interessato

In ogni momento l’interessato potrà esercitare i Suoi diritti nei confronti del titolare del trattamento.

L’art. 13 lettera b) del Regolamento UE 2016/679, sancisce che nel momento in cui i dati personali sono ottenuti, il titolare del trattamento fornisce all’interessato l’esistenza dei seguenti diritti necessari per garantire un trattamento corretto e trasparente dei dati personali:

  • accesso ai dati (Art. 15)
  • rettifica del trattamento dei dati (art. 16)
  • cancellazione dei dati (Art. 17)
  • limitazione del trattamento dei dati (Art. 18)
  • di opposizione al trattamento dei dati (Art. 21)
  • alla portabilità dei dati (Art. 20).

Oltre ai diritti di cui all’articolo 13 il Regolamento UE prevede che l’interessato possa esercitare ulteriori diritti:

  • revoca del consenso (Art. 7)
  • proporre reclamo a un’autorità di controllo (Art. 77).

In Allegato si riportano gli articoli che trattano nello specifico i singoli diritti dell’Interessato.

  1. Diritto di revoca del consenso (Art. 7)

L’art 7 comma 3,  sancisce che l’Interessato ha il diritto di revocare il proprio consenso in qualsiasi momento nei seguenti casi:

– qualora il trattamento sia basato sul consenso prestato al trattamento dei propri dati per una o più specifiche finalità (articolo 6, paragrafo 1, lettera a),

– qualora il trattamento riguardi le categorie particolari di dati personali (dati personali che rivelino l’origine razziale o etnica, le opinioni politiche, le convinzioni religiose o filosofiche, l’appartenenza sindacale, dati genetici, dati biometrici, dati relativi alla salute o alla vita sessuale o all’orientamento sessuale) e sia basato sul consenso prestato al trattamento dei propri dati per una o più specifiche finalità (articolo 9, paragrafo 2, lettera a).

La revoca del consenso non pregiudica la liceità del trattamento basata sul consenso prestato prima della revoca.

Prima di esprimere il proprio consenso, l’interessato è informato di ciò. Il consenso è revocato con la stessa facilità con cui è accordato.

  1. Diritto di proporre reclamo a un’autorità di controllo (Art. 77)

L’art. 77, sancisce che l’interessato, qualora ritenga che il trattamento che lo riguarda violi il presente regolamento, ha il diritto di proporre reclamo a un’autorità di controllo, segnatamente nello Stato membro in cui risiede abitualmente, lavora oppure del luogo ove si è verificata la presunta violazione. È Fatto salvo ogni altro ricorso amministrativo o giurisdizionale.

Il titolare del trattamento informa l’interessato della possibilità di proporre reclamo a un’autorità di controllo e di proporre ricorso giurisdizionale.

L’autorità di controllo a cui è stato proposto il reclamo, informa il reclamante dello stato o dell’esito del reclamo, compresa la possibilità di un ricorso giurisdizionale ai sensi dell’articolo 78.

L’ interessato ha inoltre il diritto di proporre un ricorso giurisdizionale effettivo, qualora l’autorità di controllo che non tratti un reclamo o non lo informi entro tre mesi dello stato o dell’esito del reclamo proposto. È Fatto salvo ogni altro ricorso amministrativo o giurisdizionale.

  1. Modalità di esercizio dei diritti dell’interessato

L’interessato potrà in qualsiasi momento esercitare i diritti inviando al Titolare del Trattamento e/o al Responsabile del trattamento (ove nominato):

– una raccomandata A.R al recapito: Sig. Primavesi Claudio con sede legale in Via Sant’Ambrogio,  25/0 – 23807 – Merate (LC), P.IVA 02913580136

– una e-mail all’indirizzo: claudio.primavesi@pec.giornalistilombardia.it

 

ALLEGATI:

  1. I DIRITTI DELL’INTERESSATO (Artt. 13-21)
  • Diritto di accesso ai dati personali (art. 15)

“1. L’interessato ha il diritto di ottenere dal titolare del trattamento la conferma che sia o meno in corso un trattamento di dati personali che lo riguardano e in tal caso, di ottenere l’accesso ai dati personali e alle seguenti informazioni:

  1. a) le finalità del trattamento;
  2. b) le categorie di dati personali in questione;
  3. c) i destinatari o le categorie di destinatari a cui i dati personali sono stati o saranno comunicati, in particolare se destinatari di paesi terzi o organizzazioni internazionali;
  4. d) quando possibile, il periodo di conservazione dei dati personali previsto oppure, se non è possibile, i criteri utilizzati per determinare tale periodo;
  5. e) l’esistenza del diritto dell’interessato di chiedere al titolare del trattamento la rettifica o la cancellazione dei dati personali o la limitazione del trattamento dei dati personali che lo riguardano o di opporsi al loro trattamento;
  6. f) il diritto di proporre reclamo a un’autorità di controllo;
  7. g) qualora i dati non siano raccolti presso l’interessato, tutte le informazioni disponibili sulla loro origine;
  8. h) l’esistenza di un processo decisionale automatizzato, compresa la profilazione di cui all’articolo 22, paragrafi 1 e 4, e, almeno in tali casi, informazioni significative sulla logica utilizzata, nonché l’importanza e le conseguenze previste di tale trattamento per l’interessato.
  1. Qualora i dati personali siano trasferiti a un paese terzo o a un’organizzazione internazionale, l’interessato ha il diritto di essere informato dell’esistenza di garanzie adeguate ai sensi dell’articolo 46 relative al trasferimento.
  2. Il titolare del trattamento fornisce una copia dei dati personali oggetto di trattamento.

In caso di ulteriori copie richieste dall’interessato, il titolare del trattamento può addebitare un contributo spese ragionevole basato sui costi amministrativi. Se l’interessato presenta la richiesta mediante mezzi elettronici, e salvo indicazione diversa dell’interessato, le informazioni sono fornite in un formato elettronico di uso comune.

  1. Il diritto di ottenere una copia di cui al paragrafo 3 non deve ledere i diritti e le libertà altrui.”
  • Diritto di rettifica dei dati personali (Art. 16)

“L’interessato ha il diritto di ottenere dal titolare del trattamento la rettifica dei dati personali inesatti che lo riguardano senza ingiustificato ritardo. Tenuto conto delle finalità del trattamento, l’interessato ha il diritto di ottenere l’integrazione dei dati personali incompleti, anche fornendo una dichiarazione integrativa.”

  • Diritto di cancellazione dei dati personali («diritto all’oblio») (Art. 17)

“1. L’interessato ha il diritto di ottenere dal titolare del trattamento la cancellazione dei dati personali che lo riguardano senza ingiustificato ritardo e il titolare del trattamento ha l’obbligo di cancellare senza ingiustificato ritardo i dati personali, se sussiste uno dei motivi seguenti:

  1. a) i dati personali non sono più necessari rispetto alle finalità per le quali sono stati raccolti o altrimenti trattati;
  2. b) l’interessato revoca il consenso su cui si basa il trattamento conformemente all’articolo 6, paragrafo 1, lettera a), o all’articolo 9, paragrafo 2, lettera a), e se non sussiste altro fondamento giuridico per il trattamento;
  3. c) l’interessato si oppone al trattamento ai sensi dell’articolo 21, paragrafo 1, e non sussiste alcun motivo legittimo prevalente per procedere al trattamento, oppure si oppone al trattamento ai sensi dell’articolo 21, paragrafo 2;
  4. d) i dati personali sono stati trattati illecitamente;
  5. e) i dati personali devono essere cancellati per adempiere un obbligo legale previsto dal diritto dell’Unione o dello Stato membro cui è soggetto il titolare del trattamento;
  6. f) i dati personali sono stati raccolti relativamente all’offerta di servizi della società dell’informazione di cui all’articolo 8, paragrafo 1.”
  • Diritto di limitazione del trattamento dei dati personali (Art. 18)

“1. L’interessato ha il diritto di ottenere dal titolare del trattamento la limitazione del trattamento quando ricorre una delle seguenti ipotesi:

  1. a) l’interessato contesta l’esattezza dei dati personali, per il periodo necessario al titolare del trattamento per verificare l’esattezza di tali dati personali;
  2. b) il trattamento è illecito e l’interessato si oppone alla cancellazione dei dati personali e chiede invece che ne sia limitato l’utilizzo;
  3. c) benché il titolare del trattamento non ne abbia più bisogno ai fini del trattamento, i dati personali sono necessari all’interessato per l’accertamento, l’esercizio o la difesa di un diritto in sede giudiziaria;
  4. d) l’interessato si è opposto al trattamento ai sensi dell’articolo 21, paragrafo 1, in attesa della verifica in merito all’eventuale prevalenza dei motivi legittimi del titolare del trattamento rispetto a quelli dell’interessato.
  1. Se il trattamento è limitato a norma del paragrafo 1, tali dati personali sono trattati, salvo che per la conservazione, soltanto con il consenso dell’interessato o per l’accertamento, l’esercizio o la difesa di un diritto in sede giudiziaria oppure per tutelare i diritti di un’altra persona fisica o giuridica o per motivi di interesse pubblico rilevante dell’Unione o di uno Stato membro.
  1. L’interessato che ha ottenuto la limitazione del trattamento a norma del paragrafo 1 è informato dal titolare del trattamento prima che detta limitazione sia revocata.”
  • Diritto di opposizione del trattamento dei dati personali (Art. 21)
  1. L’interessato ha il diritto di opporsi in qualsiasi momento, per motivi connessi alla sua situazione particolare, al trattamento dei dati personali che lo riguardano ai sensi dell’articolo 6, paragrafo 1, lettere e) o f), compresa la profilazione sulla base di tali disposizioni.

Il titolare del trattamento si astiene dal trattare ulteriormente i dati personali salvo che egli dimostri l’esistenza di motivi legittimi cogenti per procedere al trattamento che prevalgono sugli interessi, sui diritti e sulle libertà dell’interessato oppure per l’accertamento, l’esercizio o la difesa di un diritto in sede giudiziaria.

  1. Qualora i dati personali siano trattati per finalità di marketing diretto, l’interessato ha il diritto di opporsi in qualsiasi momento al trattamento dei dati personali che lo riguardano effettuato per tali finalità, compresa la profilazione nella misura in cui sia connessa a tale marketing diretto.
  1. Qualora l’interessato si opponga al trattamento per finalità di marketing diretto, i dati personali non sono più oggetto di trattamento per tali finalità.
  1. Il diritto di cui ai paragrafi 1 e 2 è esplicitamente portato all’attenzione dell’interessato ed è presentato chiaramente e separatamente da qualsiasi altra informazione al più tardi al momento della prima comunicazione con l’interessato.
  1. Nel contesto dell’utilizzo di servizi della società dell’informazione e fatta salva la direttiva 2002/58/CE, l’interessato può esercitare il proprio diritto di opposizione con mezzi automatizzati che utilizzano specifiche tecniche.
  1. Qualora i dati personali siano trattati a fini di ricerca scientifica o storica o a fini statistici a norma dell’articolo 89, paragrafo 1, l’interessato, per motivi connessi alla sua situazione particolare, ha il diritto di opporsi al trattamento di dati personali che lo riguarda, salvo sé il trattamento è necessario per l’esecuzione di un compito di interesse pubblico.”
  • Diritto di portabilità dei dati personali (Art. 20)

“1. L’interessato ha il diritto di ricevere in un formato strutturato, di uso comune e leggibile da dispositivo automatico i dati personali che lo riguardano forniti a un titolare del trattamento e ha il diritto di trasmettere tali dati a un altro titolare del trattamento senza impedimenti da parte del titolare del trattamento cui li ha forniti qualora:

  1. a) il trattamento si basi sul consenso ai sensi dell’articolo 6, paragrafo 1, lettera a), o dell’articolo 9, paragrafo 2, lettera a), o su un contratto ai sensi dell’articolo 6, paragrafo 1, lettera b); e
  2. b) il trattamento sia effettuato con mezzi automatizzati.
  1. Nell’esercitare i propri diritti relativamente alla portabilità dei dati a norma del paragrafo 1, l’interessato ha il diritto di ottenere la trasmissione diretta dei dati personali da un titolare del trattamento all’altro, se tecnicamente fattibile.
  1. L’esercizio del diritto di cui al paragrafo 1 del presente articolo lascia impregiudicato l’articolo 17. Tale diritto non si applica al trattamento necessario per l’esecuzione di un compito di interesse pubblico o connesso all’esercizio di pubblici poteri di cui è investito il titolare del trattamento.
  1. Il diritto di cui al paragrafo 1 non deve ledere i diritti e le libertà altrui.”